• sabato 21 ottobre 2017
  • Seguici su

Municipalità 7 - Miano, Secondigliano, S. Pietro a PatiernoCRONACAmercoledì 7 giugno 2017 20:00

Miano, uccisi nel 2011 in una sala scommesse: volevano il posto del boss

L’agguato maturò all'interno del clan lo Russo, a causa di dissidi interni legati alla scelta di Salvatore Lo Russo, di collaborare con la giustizia

Impiegarono solo sette secondi per uccidere due persone. Colpi a raffica all'interno di una sala scommesse di Miano, davanti ad altri clienti, per punire chi all'interno del clan Lo Russo si poneva contro il boss. Un omicidio, quello di Salvatore Scognamiglio e Salvatore Paolillo, 'fissato' nelle immagini del sistema di videosorveglianza, che dopo sei anni ha fatto scattare l'ordinanza di custodia cautelare in carcere, eseguite dalla Polizia di Stato, per Vincenzo Bonavolta e Luciano Pompeo, fratello del boss Luigi Pompeo, entrambi già detenuti.

Secondo le indagini coordinate dal Dda della Procura di Napoli, il duplice omicidio, il 5 agosto 2011, maturò all'interno del clan lo Russo, di cui le vittime facevano parte, a causa di dissidi interni legati alla scelta di Salvatore Lo Russo, padre del boss Antonio, di collaborare con la giustizia.

Clicca mi piace per restare aggiornato

[di Redazione ]
Potrebbe interessarti anche ...

CHE SUCCEDE NEL MIO QUARTIERE

Inserisci i dati nel FORM sottostante per comunicare alla redazione quanto accade nel tuo quartiere.