• martedì 17 gennaio 2017
  • Seguici su

Municipalità 7SCUOLAmercoledì 11 gennaio 2017 16:19

Riaccendere la speranza tra i ragazzi di periferia, ecco MianoIntesta

Dall’istituto comprensivo “64° Rodari - Moscati” un progetto che mette in rete tutte le forze del territorio nel segno del riscatto

“Riaccendere la speranza di un territorio martoriato dalle emergenze psico-sociali e ambientali  dando voce a quanti (genitori, bambini, terzo settore) avvertono il forte desiderio di riscatto sociale e di affrancamento dalla povertà educativa e culturale”.

Nasce con questi intenti il progetto “MianoIntesta”, fortemente voluto dalla nuova dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo “64° Rodari - Moscati” di Miano, Giuseppina Marzocchella e presentato nel corso dell’open day di questa mattina tenutasi al plesso di cupa Capodichino, alla presenza del sindaco de Magistris, dei consiglieri municipali Errichelli e Musella, di Lella Apredda, presidente dell’associazione “Miano Protagonista”.

L’iniziativa  vedrà di fatto la partecipazione di enti pubblici (Comune di Napoli, VII Municipalità, ASL) e privati volti a collaborare l’Istituto Comprensivo di Miano. Il sindaco ha assunto l'impegno di sostenere il progetto attraverso anche la promozione di corsi sulla legalità destinati ai genitori.

Tra gli obiettivi di “MianoIntesta”: modificare la toponomastica con un nome scelto attraverso un concorso letterario proposto agli alunni; impiegare alcuni locali della scuola del plesso “Cupa Capodichino” per ottenerne un auditorium; aprire i locali della scuola per l’educativa territoriale, per la predisposizione di laboratori di avviamento ai mestieri da riscoprire nel nostro artigianato storico; costituire  uno sportello, aperto a tutto il quartiere, con funzioni di ascolto, informazione, formazione e consulenza che aiuti le persone (genitori e figli) a districarsi tra le risorse, le opportunità e le idee che la città offre e che può accogliere; creare laboratori artigianali di formazione e di occupabilità rivolti ai cittadini; entrare in una collaborazione sistemica del territorio.

Numerosi i soggetti coinvolti attraverso un protocollo d'intesa e già seduti intorno al tavolo territoriale: Miano Protagonista, i servizi sociali, le parrocchie San Francesco Caracciolo e Santa Maria dell'Arco, Larsec, Italia Lavoro, Coordinamento Genitori Democratici, l’associazione “Ad alta voce”, l’associazione sportiva Coni Karate, i Maestri del Lavoro, “Il Grillo Parlante, “L’Uomo e il Legno”, il "Quadrifoglio", l'associazione "Rsravenna", l’istituto Romanò di Miano, il Sereni di Afragola, il Cipia, i Carabinieri, la Polizia Locale e la Polizia di Stato.

Ognuno, secondo i propri ruoli e competenze, collaborerà a realizzare interventi di prevenzione per il contrasto dell’abbandono e del disagio scolastico attraverso azioni di comunità e rigenerazione urbana alla base del progetto.

 

[di Redazione ]
Potrebbe interessarti anche ...

CHE SUCCEDE NEL MIO QUARTIERE

Inserisci i dati nel FORM sottostante per comunicare alla redazione quanto accade nel tuo quartiere.